English | Italiano Regia Marina Italiana

Battelli

Ammiraglio Attilio Duilio Ranieri


Questo era il sommergibile eponimo della classe “ADUA” (detta “l’Africana”), che costituiva una delle serie in cui era suddivisa la più ampia classe “600” di sommergibili costieri. I 17 battelli della classe “ADUA” erano stati realizzati in diversi cantieri italiani negli anni fra il 1936 e il ’38 ed erano stati intitolati a luoghi e vicende della guerra d’Etiopia appena conclusa (1935-36), guerra che aveva portato alla costituzione dell’A.O.I. (Africa Orientale Italiana). L’ADUA era stato costruito nei cantieri C.R.D.A. di Monfalcone (GO) nel corso dell’anno 1936: impostato il 1° febbraio, varato il 13 settembre e consegnato alla Marina il 14 novembre.

Alla fine del 1939 il battello risulta assegnato alla 71ª Squadriglia del VII° Gruppo Sommergibili, di base a Cagliari. All’entrata in guerra dell’Italia (10 giugno ‘40) l’ADUA, al comando del Ten.Vasc. Giuseppe ROSELLI LORENZINI, è già in agguato nel Canale di Sardegna, sul meridiano di Capo Teulada, a formare uno sbarramento insieme ad altri tre sommergibili. Tre giorni dopo viene spostato nelle acque delle Baleari e, infine, viene avviato nel Golfo del Leone, in una zona d’agguato a circa 15 miglia a levante di Capo Creus. In quelle acque, il mattino del 18 giugno avvista un convoglio francese, in trasferimento da Marsiglia a Tolone, e lancia un siluro contro un piroscafo trasporto truppe. L’esito dell’attacco è incerto: sul battello si ode lo scoppio del siluro (o, almeno, quello che sembra tale), ma dalla documentazione francese non risulta che alcuna nave di quel convoglio sia stata colpita.

Qualche tempo dopo questa missione sbarca il Com.te ROSELLI LORENZINI (per andare a comandare il Smg. EMO) e il comando dell’ADUA viene assunto dal T.V. Luigi RICCARDI, che poi affonderà col battello. Fra l’ottobre ’40 e il marzo ’41 il battello è dislocato a Pola, per svolgere attività addestrativa a favore della Scuola Sommergibili. Durante la dislocazione a Pola, il comando è assunto, temporaneamente e per brevi periodi, dal T.V. Carlo TODARO e poi dal T.V. Mario RESIO. Successivamente, a metà marzo, nuovamente sotto il comando del T.V. RICCARDI, l’ADUA viene trasferito a Taranto. Da qui, fra marzo e maggio del ’41, il battello svolge missioni di pattugliamento nel Golfo di Taranto e in acque greche. Il 10 maggio giunge a Lero.

Da questa base, il giorno 24 parte per portarsi in agguato nelle acque fra Alessandria d’Egitto e Creta. Il 3 giugno, al largo di Capo Littinos, intercetta una grossa bettolina a motore con la quale 72 militari inglesi cercano di raggiungere le coste egiziane. Catturati gli otto ufficiali presenti, la bettolina viene costretta a rientrare a Creta; dopo di che il battello lascia l’agguato e dirige per rientrare a Taranto, dove sosterà ai lavori per circa tre mesi.

A metà settembre ’41 compie una missione di pattugliamento al largo di Minorca e poi, il giorno 16, rientra a Cagliari. Il 29 settembre lascia quella base per portarsi all’agguato nelle acque di Capo Palos, a nord di Cartagena (Spagna), dove si prevede il transito di un grosso convoglio. Alle 03.50 del giorno 30 avvista un gruppo di ben 11 cacciatorpediniere e, coraggiosamente, si porta all’attacco lanciando una salva di 4 siluri. Sente una detonazione e si disimpegna per sfuggire alla reazione dei caccia. Alle 05.25 lancia il messaggio di scoperta del convoglio (si saprà poi che si tratta del convoglio “Halbert” in trasferimento da Gibilterra a Malta) e poi non dà più notizie di sé.

Nel dopoguerra, dalla documentazione inglese si apprende che il sommergibile (probabilmente rilevato al radiogoniometro al momento della trasmissione del messaggio di avvistamento e poi individuato con l’ASDIC) è stato affondato da due di quegli undici caccia, il GURKHA (F63) e il LEGION (F74), alle 10.30 circa del 30 settembre 1941, nel punto di latitudine 37°10’N e longitudine 00°56’E (un’altra fonte riporta il punto un po’ più a sud, in latitudine 36°50’N). Nessun superstite.

Nella sua vita, l’ADUA ha compiuto 16 missioni di guerra, più 46 uscite per addestramento alla Scuola Sommergibili, percorrendo in totale 9.690 miglia.

Copyright © 1996-2018 REGIAMARINA (TM). All rights reserved.